Pacco con fiori stropiccioni

Oggi abbiamo festeggiato il compleanno di mia mamma. Tutti gli anni io e mia sorella le regaliamo delle piante, che acquisto  in un garden qui vicino,  che fa delle composizioni davvero belle e sopratutto le piante durano nel tempo e quest’anno le abbiamo preso una Fuxia  in boccioli.

I miei genitori hanno un grande orto e in estate mi danno molta verdura e spesso anche l’insalata già lavata, in una centrifuga di plastica. La loro aveva già una quarantina d’anni, ma faceva il suo lavoro dignitosamente. Peccato che sia finita in mano ad Alberto che ha trasformato un taglietto nel cestello in uno squarcio.

Così ho colto l’occasione di dover ricomprare la centrifuga ai miei, per realizzare un pacco speciale, complice l’essermi svegliata presto e che Alberto abbia dormito fino alle 8 con suo papà.

Il risultato poteva essere migliore, ma tutto è stato ideato, iniziato e finito dalle 5.45 alle 7.50 di questa mattina.

Ecco la centrifuga.

001 pacco

Da un cartone dell’imballaggio della lavatrice ho ricavato la scatola per contenere il regalo.

002 pacco

Senza misurare troppo e senza pensare troppo alla precisione, ho tagliato i 5 pezzi per realizzare la scatola. Quest’opera non è certo degna di una seguace del sito Sweet Bio Design.

003 pacco

Con del nastro adesivo largo ho assemblato le 5 parti.

004 pacco

Poi attorno ho messo della carta da pacco azzurra, fissandola con del nastro adesivo trasparente e ho chiuso sopra la centrifuga stropicciando un po’ la carta.

Poi mi sono dedicata alla decorazione, realizzando dei fiori di carta sopra una foglia.

Per la prima volta da quando l’ho acquistato ho usato il taglierino per fare i cerchi della LIDL.

007 taglierino tondo

E’ facile e intuitiva da usare, peccato che il cerchio più piccolo che si può fare ha il  diametro di 10 cm.

Ho ricavato dei dischi da tre fogli da stampante colorati e li ho stropicciati.

Li ho riaperti e li ho uniti a tre a tre con una cucitrice a punti, li ho richiusi come se fossero dei boccioli e poi li ho riaperti ottenendo i fiori.

Poi mi sono dedicata alla foglia: ho piegato in due un foglio verde di carta per stampante, ho tagliato la sagoma di mezza foglia, ho piegato a fisarmonica il mezzo foglio e ho stropicciato di nuovo ed in fine ho aperto la foglia.

Nella composizione finale ho usato solo 3 dei 4 fiori ottenuti.

Ecco qui sotto il pacco concluso.

019 fiori strop

L’effetto finale è carino, non bello: la carta dei fiori si poteva movimentare anche con dei disegni e si potevano aggiungere dei pistilli, disegnati o fatti con la carta, anche la foglia poteva essere migliorata con qualche linea di pennarello, ma come detto in precedenza tutto è stato fatto in poco tempo e con i materiali che ho trovato in casa.

Questo pacco poteva venire meglio, ma realizzarlo, pensando solo a quello che stavo facendo e come avrei potuto spiegare i passaggi per scrivere un articolo per il blog è stato molto piacevole, da una parte è stato un ritorno ai tempi in cui riuscivo a dedicarmi con una certa assiduità al blog, perché più tempo libero, da un’altra parte l’atto creativo mi ha permesso di staccare la mente dai pensieri di questo periodo.

Questo mi fa capire quanto sia importante trovare del tempo per fare le cose che ci piacciono, mettendo da parte per un po’ di tempo i doveri e le preoccupazioni della vita.

Bene, qui vi saluto e auguro a tutti buona manualità.

Annunci

Ventagli ricordo S. Battesimo

Il martedì e il mercoledì mattina, la nonna paterna di Alberto viene a curarlo per permettermi di fare un po’ di mestieri di casa. Ho dedicato le due mattinate della settimana prima del S. Battesimo di Alberto alla realizzazione di una ventina di ventagli da utilizzare durante il ricevimento e poi da lasciare agli ospiti come ricordo.

Non speravo di riuscire a fare un post così non ho la foto di tutti i ventagli, ma solo di uno e alcune che ho fatto durante la progettazione e la realizzazione del prototipo.

Questo è il ventaglio che ho tenuto per ricordo.

04 vent

E qui due particolari.

L’idea è stata ripresa da quelle del quarantacinquesimo di matrimonio dei miei genitori, mentre per un oggetto più semplice rispetto a quello ideato per quella ricorrenza  mi sono ispirata a questo e da quest’altro blog.

Per la realizzazione della base del ventaglio ho ritagliato 1/3 di cerchio, per la realizzazione della dima, ho disegnato su un cartoncino riciclato (scatola di un vestitino di Alberto) mezza circonferenza e seguendo la costruzione dell’angolo piatto in tre parti uguali

ho usato 2 delle parti uguali per avere una porzione di cerchio con un angolo di 120°.

Ho usato la dima così ottenuta per riportare la sua forma sui cartoncini azzurri che poi ho ritagliato.

In seguito ho decorato in modo molto semplice i ventagli:

  • 3 – 4 fustellate a forma di stellina lungo il bordo;
  • mezza circonferenza di cartoncino o carta decorata incollata lungo il lato del ventaglio  (raggio = 1/2 raggio della circonferenza del ventaglio);
  • un ovale con il nome e la data del S. Battesimo di Alberto;
  • una fustellata a forma di stella nell’angolo del ventagli nella quale ho fatto passare un nastrino.

I nastri che ho usato sono stati tutti riciclati dai regali che Alberto ha ricevuto alla sua nascita, che ho conservato proprio per riutilizzarli in occasione del suo Battesimo, anche se non sapevo ancora come li avrei usati.

01 vent

Ecco qui sopra l’unica fotografia scattata durante la realizzazione dei ventagli, nella quale si vedono i nastri, la dima e il prototipo di ventaglio (rosa per non sprecare la carta e il cartoncino azzurro).

Sono contenta di essere riuscita a scrivere questo post  che spero vi possa essere d’ispirazione.

Come sempre vi saluto augurandovi buona manualità

Stelle amigurumi

Da quando è arrivato Alberto ad ad oggi, non mi sono mai ritagliata del tempo da dedicare al blog anche se qualcosa, non molto, in questi 5 mesi ho fatto.

Voglio ricominciare a postare partendo dalle stelline portachiavi che questa sera Davide porterà ai soci dell’APAN (Associazione Provinciale Astrofili Novaresi) che domenica scorsa ci ha permesso di utilizzare le strutture dell’osservatorio di Suno (NO) per festeggiare il Battesimo del nostro Alberto.

04 stelle

Da circa due mesi nei ritagli di tempo ho realizzato le stelline seguendo le istruzioni di questo sito in spagnolo, poi ho aggiunto un anello di 20 catenelle con un giro di punto basso e l’ho collegato alla sua stella con 2 punti bassissimi ed in seguito ho inserito un anello metallico nell’asola comprato in un bazar gestito da cinesi.

Ecco alcuni portachiavi nei particolari

Ora vi saluto augurando buona manualità a tutti coloro che passeranno a vedere le mie stelline.

Scatola esplosiva

In questo periodo il lavoro da una parte e la copertina di Alberto che è un continuo fare e disfare: troppo grande, troppo piccola, fa delle pance…mi hanno fatto trascurare il blog.

Ma nelle ultime sere ho messo da parte la copertina e mi sono dedicata alla scatola esplosiva. Il risultato non mi soddisfa molto, devo imparare a lavorare con le decorazioni, mentre io prediligo la tecnica alla decorazione, ma lo scrapbookin è fatto di tutte e due le cose, quindi dovrò lavorare anche su questo.

Questo è il risultato

001-scatola-espolosiva

012-scatola-esplosiva

Ecco le misure delle tre parti.

015-s-e

017-s-e

016-s-e

Per prima cosa ho disegnato e tagliato le parti della scatola

Ho incollato i lati del coperchio, tenendo fermi i lembi con una molletta da bucato.

008-scatola-esplosiva

Poi ho decorato le varie parti con quadrati fustellati negli angoli e un bordino sempre fustellato per i lati del coperchio.

Con un bel fiocco, penso che possa acquistare un po’ più di charme e possa essere usata per fare auguri e mettere dentro un piccolo, ma davvero piccolo pensiero.

Ora vi saluto e spero che anche se il MIO risultato non è dei migliori, vi possano essere utili le misure e la tecnica. Come sempre vi lascio augurandovi buona manualità.

Segnalibri a tasca

Dopo una pausa dal blog piuttosto lunga rieccomi qui. Anche se non ho avuto tempo di scrivere post, le mani non sono state ferme e le idee non mi sono mancate, quindi in questi giorni, di relativa calma, cercherò di dedicarmi al blog.

Il tempo libero negli ultimi due mesi è stato davvero poco complice anche il corso di inglese, per il mio libro ho realizzato tre segnalibri, uno per i compiti (home work), uno per i famigerati verbi irregolari (irregular verbs) e in fine per le soluzioni (keys).

008 sl

Di questo tipo di segnalibro ne è pieno il web, per quanto mi riguarda, per realizzare la “taschina” ho seguito questo video di Sweet Bio Design e per le decorazioni ho usato la mia fantasia.

Sono partita da tre fogli di cartoncino dei colori della bandiera inglese.

001 sl

Da ognuno ho ricavato un quadrato di 16×16 cm e ho seguito passo passo le istruzioni del video tutorial ottenendo così le tre taschine.

003 sl

In Goolgle immagini ho cercato il disegno della bandiera inglese, l’ho ridotta e copiata per tutto il foglio usando un comune programma di video scrittura, ho ricavato tre triangoli rettangoli con i cateti di 6 cm, ma sul rosso le bandiere non risaltavano, così ad uno di essi ho ridotto i lati e sotto ho messo un triangolo di cartoncino bianco (quelli avanzato dalla realizzazione del segnalibro bianco), in fine usando delle lettere pretagliate ho messo le iniziali delle parti del libro che mi interessavano.

Ho trovato questi segnalibri molto pratici, sperando che possano darvi lo spunto per realizzarne con decorazioni a vostro piacimento e adatti al vostro uso, vi saluto augurando buona manualità.

 

Busta e lettera nello stesso foglio.

Torno a parlare della doppia cerimonia dei due figli dei nostri amici. Ovviamente i regali a i festeggiati dovevano essere accompagnati da un biglietto con gli auguri, che avrei voluto fare io, purtroppo nel turbine di questo ultimo periodo, non ero riuscita a trovare il tempo per realizzare i due biglietti.Così sono ricorsa ad un origami, molto semplice ma che ha una resa davvero particolare.

Il procedimento lo conoscevo già da tempo, perché l’ho imparato studiando le piegature di una lettera di un’amica di penna asiatica di mia sorella. Pensavo di fare un tutorial, ma prima di prendere in mano macchina fotografica, ho fatto una brevissima ricerca su youtube e come sempre non mi ha delusa, ed ecco qui il video.

Il ragazzo del video parte da un foglio quadrato che poi modifica per trovare le proporzioni correte, bhe vi assicuro che non è assolutamente necessario, se partite da un foglio A4 non avrete nessun problema di proporzioni 😉

Spero che questa idea possa essere utile anche a voi se vi doveste trovare in emergenza biglietti.

Vi lascio con l’augurio del mio biglietto fatto partendo a un foglio A4.

01 busta (2)02 busta (1)03 busta

 

Borsetta da cerimonia

Per il Battesimo di Alessio, avevo bisogno di una borsetta elegante, l’unica che avevo era vecchia e malandata, per l’occasione avevo già acquistato delle scarpe blu scuro e girando nel web sono incappata in questo tutorial.

Questo è quello che ho realizzato

014

Per la realizzazione ho seguito pedissequamente il tutorial fino a quando sono arrivata alla fodera, nel tutorial si usa della fodera sintetica e del cartoncino termoindurente… ma io a casa non avevo nell’uno nell’uno nell’altro e sopratutto non avevo tempo di andare a cercarli.

Così il materiale per proseguire l’ho cercato tra ciò che avevo a casa… la mia vecchia borsetta, cartoncino blu, nastro biadesivo, stoffa di un vecchio copri divano. Dalla vecchia borsetta ho ricavato la catenella da tracolla e il bottoncino calamitato e tanta fantasia e determinazione.

Dal cartoncino blu ho ritagliato un rettangolo leggermente più piccolo del rettangolo fatto all’uncinetto.

001

Dovevo pensare al modo di incollare il cartoncino alla fodera, così ho ho messo delle strisce di nastro biadesivo e poi ho incollato la stoffa cercando di tenderla il meglio possibile.

Con tanta pazienza ho cucito a mano il cartonino al “tappetino” fatto all’uncinetto, dopo di che ho cucito le parti laterali, devo essere sincera prima di trovare le misure corrette dei laterali li ho rifatti ben tre volte perché erano sempre troppo alti rispetto alla borsettina.

Ho poi cucito la borsetta, ho rinunciato al punto gambero per concludere il lavoro, perché mi dispiace ammetterlo ma lavorare sul supporto rigido per me è troppo difficile.

Purtroppo non ho fatto foto, ma ho trovato un grosso problema dopo aver incolato il bottoncino magnetico alla borsetta con la colla a caldo, la fodera non aderiva abbastanza al cartoncino interno e la patella si alzava, così ho dovuto fare dei punti di cucito attorno al bottone passando attraverso il cartoncino per far si che la fodera e il cartoncino fossero abbastanza uniti da vincere la rigidezza del cartoncino che tendeva ad aprire la  patella.

Ho staccato la tracolla dalla mia vecchia borsetta e ho cucito i moschetti alle parti laterali della borsetta e la borsetta è stata conclusa, pronta per essere usata 🙂

Sono molto felice del risultato, al punto che mi è venuta voglia di realizzare anche una borsa più grande e meno elegante da portare in vacanza.

Ora vi saluto e auguro a tutti coloro che passano di qua buona manualità!