Ventagli ricordo S. Battesimo

Il martedì e il mercoledì mattina, la nonna paterna di Alberto viene a curarlo per permettermi di fare un po’ di mestieri di casa. Ho dedicato le due mattinate della settimana prima del S. Battesimo di Alberto alla realizzazione di una ventina di ventagli da utilizzare durante il ricevimento e poi da lasciare agli ospiti come ricordo.

Non speravo di riuscire a fare un post così non ho la foto di tutti i ventagli, ma solo di uno e alcune che ho fatto durante la progettazione e la realizzazione del prototipo.

Questo è il ventaglio che ho tenuto per ricordo.

04 vent

E qui due particolari.

L’idea è stata ripresa da quelle del quarantacinquesimo di matrimonio dei miei genitori, mentre per un oggetto più semplice rispetto a quello ideato per quella ricorrenza  mi sono ispirata a questo e da quest’altro blog.

Per la realizzazione della base del ventaglio ho ritagliato 1/3 di cerchio, per la realizzazione della dima, ho disegnato su un cartoncino riciclato (scatola di un vestitino di Alberto) mezza circonferenza e seguendo la costruzione dell’angolo piatto in tre parti uguali

ho usato 2 delle parti uguali per avere una porzione di cerchio con un angolo di 120°.

Ho usato la dima così ottenuta per riportare la sua forma sui cartoncini azzurri che poi ho ritagliato.

In seguito ho decorato in modo molto semplice i ventagli:

  • 3 – 4 fustellate a forma di stellina lungo il bordo;
  • mezza circonferenza di cartoncino o carta decorata incollata lungo il lato del ventaglio  (raggio = 1/2 raggio della circonferenza del ventaglio);
  • un ovale con il nome e la data del S. Battesimo di Alberto;
  • una fustellata a forma di stella nell’angolo del ventagli nella quale ho fatto passare un nastrino.

I nastri che ho usato sono stati tutti riciclati dai regali che Alberto ha ricevuto alla sua nascita, che ho conservato proprio per riutilizzarli in occasione del suo Battesimo, anche se non sapevo ancora come li avrei usati.

01 vent

Ecco qui sopra l’unica fotografia scattata durante la realizzazione dei ventagli, nella quale si vedono i nastri, la dima e il prototipo di ventaglio (rosa per non sprecare la carta e il cartoncino azzurro).

Sono contenta di essere riuscita a scrivere questo post  che spero vi possa essere d’ispirazione.

Come sempre vi saluto augurandovi buona manualità

E’ arrivato Alberto

Il primo Febbraio alle 15.49 è nato Alberto.

01-fiocco

Questo è il fiocco nascita che la nonna Antonietta ha realizzato per Alberto.

Nei primi giorni di vita di Alberto è stato esposto sulla porta della camera in cui eravamo ricoverati, ricevendo complimenti da tutto il personale dell’ospedale e dai parenti, non solo nostri.

Ora è appeso sulla finestra vicina alla porta d’ingresso, perché è troppo bello per essere appeso alla porta ed esposto alle intemperie.

02-fiocco

Ecco qui il particolare del ricamo, nel quale si possono ammirare tutte le tonalità di colore usate per questo meraviglioso ricamo.

Ora vi saluto e vi auguro buona manualità.

Orsetto curioso

Nel post precedente ho parlato di due bavaglini regalatimi da mia sorella per Alberto: ecco il secondo con il suo ricamo.

01-orso-curioso

Lo schema l’ho trovato in questo sito, cliccando su   Назад :: Вперед   che trovate in alto a destra della schermata troverete tutta una serie di altri schemi molto simpatici adatti ai bambini.

02-orso-curioso

Bene, spero che il mio orsetto curioso vi sia piaciuto e che se non lo considerate così carino spero che possiate trovare altre ispirazioni nel sito che vi ho linkato.

Buona manualità.

 

Scarpine e cappellino

Ecco qui le prime scarpine e il primo cappellino per Alberto.

004-scarpine-e-cappellino

Per la realizzazione del cappellino tutte le indicazioni le trovate in questo post, nel quale ho fatto un cappellino bianco, per questo ho seguito le stesse spiegazioni, ma ho usato un filato e dei ferri più fini ed inoltre ho fatto circa 10 cm di punta in più al cappellino in modo da poter fare un nodino.

Per le scarpine ho seguito le foto di questo sito, contando i punti sui ferri e andando un po’ a naso, non è stato particolarmente difficile, anche se se dovessi rifarle prima mi scriverei lo schema, tutte le volte che cambiava tipo di lavorazione (4 volte) dovevo andare a cercare il sito… sono pigra.

Se volete trovare, in un solo post, tutte le scarpine per neonati che ho realizzato da quando ho aperto il blog cliccate qui.

Bene vi saluto e auguro un buon fine settimana e ovviamente buona manualità.